Home

Dono di Santuzza Calì per i 40 anni di Unima Italia

Sito aggiornato il 04 12 2020

Incontri UNIMA Italia

mercoledì 9 dicembre 2020 alle ore 18

Sopravvivenza e sostenibilità

Misure di sostegno economico in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 

e misure di ristoro per gli “scritturati” del teatro.

Mercoledì terremo sulla piattaforma zoom un incontro per i nostri associati incentrato su due temi.

  1. Illustreremo i possibili aiuti oggi rivolti a coloro che versano in condizioni economiche difficili in conseguenza della crisi causata dal Covid 19. Parleremo di Reddito di emergenza – Indennità di disoccupazione Dis-coll o NASpi – Assegno per il nucleo familiare – Bonus spesa – Bonus babysitter – Bonus asilo nido – Reddito di cittadinanza e altre prestazioni a sostegno del reddito.

Abbiamo avvertito la necessità di organizzare questo incontro per fornire informazioni utili a tutti gli associati che per le più diverse ragioni non hanno potuto ricevere le altre forme di ristoro quali bonus 600 e 1000 euro per i lavoratori dello spettacolo, ristori per imprese calcolati sulle perdite di aprile, Extra-Fus e altri ristori regionali. 

Ad illustrare requisiti e modalità di accesso sarà Alessandro Sutto, consulente messoci cortesemente a disposizione da SOFORM Scarl, Ente di Formazione Accreditato del Friuli-Venezia Giulia che ringraziamo per la sensibilità dimostrata.  

  1. Illustrazione dell’intervento di ristoro per gli scritturati del teatro per il quale le domande vanno presentate entro le ore 16:00 del 12 Dicembre 2020 e del nuovo ristoro di 1000€ previsto nel decreto Ristori-quater.

Gli interessati possono richiedere l’accesso alla riunione zoom alla mail unimanews@gmail.com

Sportello Unima Italia
unimaitaliarisponde@gmail.com

Lettere dai soci

Spettabile Consiglio Direttivo,
ecco le mie motivazioni per UNIMA. Lo so che non mi è stato richiesto di scriverle essendo una vecchia socia, ma sento il bisogno di rinnovare a me stessa le motivazioni per l’adesione a UNIMA, essendo ora una “burattinaia in pensione”.
Ho aderito all’UNIMA fin dagli anni ‘80, prima come compagnia Teatro Laboratorio Mangiafuoco, poi individualmente perché sono convinta dell’importanza di un’Associazione come l’UNIMA che raccoglie professionisti, amatori, storici, ricercatori, amanti dei burattini, delle marionette, delle ombre, ecc., insomma, del teatro di figura in tutte le sue sfaccettature e perché credo che il teatro di animazione/figura sia un teatro che unisce l’esperienza della arte e del teatro. Sono affascinata da questo mondo prima come spettatrice, poi come operatrice e poi come ricercatrice. Il rischio perenne della perdita della memoria e dei documenti mi spinge a credere nell’importanza di un’associazione capace di racchiudere la storia di tanti, di raccontare il passato e il presente, di documentare, di studiare, di pubblicare, di storicizzare. La possibilità d’incontrarsi e di confrontarsi sul “mestiere”, mi sembra poi la cosa più bella che può capitare a un lavoratore dello spettacolo e non solo. Per me UNIMA è un mondo d’incontri, di conoscenza e di opportunità.

Rosa Maria Leone / Rosellina Leone

Spettabile Consiglio Direttivo di UNIMA Italia

le motivazioni, in questi giorni, fatico a trovarle per fare qualsiasi cosa.

Per chi è del mestiere sa che i colpi che ci stanno infliggendo, natura e sistema, politica e settore, sono forse gli ultimi prima del nostro completo annientamento.

Forse però, c’è una vaga, vaghissima, possibilità di rinascita.

Occorre guardarsi in faccia e decidere verso che nuova vita si voglia andare. Definire i limiti, gli sguardi, le poetiche, le tecniche e le misure da prendere.

Nel farlo, sono sicura, non potrei da sola.

Mi piace pensare che che ci sia un luogo dove io possa incontrare persone che parlino la mia stessa lingua, che abbiano voglia di sentire gli stessi racconti, che necessitino di tramandare la stessa memoria e guardare allo stesso miraggio.

Grazie,

Beatrice Baruffini